UE: BRUNETTA, SU NUOVA GOVERNANCE ECONOMICO-FINANZIARIA CENTRODESTRA TROVERA’ SUA UNITA’

Dichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia:

“Mentre Gentiloni e Padoan se la suonano e se la cantano a Cernobbio nel fine settimana, a Berlino si decide sulla proposta del ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schauble, di far passare l’ESM (European Stability Mechanism), cui abbiamo contribuito tutti, di fatto nelle sole mani del governo di Angela Merkel.

Secondo la proposta Schauble, infatti, le risorse dell’ESM, ad oggi 375 miliardi di euro inutilizzati, verrebbero concesse ai paesi in crisi per la realizzazione delle riforme, con la supervisione di un ipotetico ministro delle finanze europeo. Che sarebbe tedesco, ovviamente. Una nuova versione della Troika, ma a guida unica: quindi senza pesi e contrappesi. Questo ci manca.

Noi non siamo d’accordo. La nuova governance economico-finanziaria dell’Europa sia finalizzata alla crescita e allo sviluppo e non un nuovo strumento nelle mani dei più forti per commissariare i più deboli. Su questo il centrodestra si batterà e troverà la sua unità.

Si usino, piuttosto, i miliardi dell’ESM per gli investimenti e per lo sviluppo dei paesi dell’eurozona rimasti indietro, non come “zuccherino” in cambio di sangue, sudore e lacrime: abbiamo già visto che così non funziona. L’ESM diventi quello che non è riuscito ad essere il piano Juncker. A differenza di quest’ultimo, infatti, le risorse ci sono, fresche e disponibili.

Schauble non cerchi di indorare la pillola: ormai lo conosciamo tutti. Le sue proposte presentate formalmente per il “bene dell’Europa” perseguono nei fatti solo il bene della Germania, a scapito di tutti gli altri Stati membri. Ma ormai nessuno ci casca più.

In Italia, infine, il serbatoio con il maggiore potenziale di crescita è il Sud. Il Mezzogiorno, infatti, proprio per le sue carenze infrastrutturali ed economiche, può assorbire più investimenti, offrendo così un’opportunità di crescita al Paese intero e quindi all’intera Europa.

Da un lato, quindi, il centrodestra unito di governo rassicuri l’Unione Europea e i mercati con il fermo, solenne impegno al rispetto delle regole, in particolare di quelle relative ai conti pubblici. Dall’altro ottenga l’ok per significativi investimenti al Sud che rilancino lo sviluppo di tutta l’Italia.

Attuando nel nostro Paese una strategia di politica economica di grande impulso alla crescita, a partire dal Sud e assolutamente in linea con i principi e i valori europei, avremo tutte le carte in regola per ridurre la pressione fiscale e produrre per il Paese quel salto di qualità da troppo tempo atteso”.

I Commenti sono chiusi