BANCHE: BRUNETTA, FALLIMENTO FONDO ATLANTE E’ FALLIMENTO RENZI-PADOAN

Dichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia:

“Il Fondo Atlante è fallito. Secondo quanto riportato dalla stampa nazionale, il famigerato fondo che, nelle intenzioni del Governo, avrebbe dovuto sostenere sulle sue spalle la grande crisi bancaria italiana, sarebbe vicino alla liquidazione, non avendo retto il peso del crollo delle due banche venete. Il fondo, infatti, aveva investito in Veneto banca e Popolare di Vicenza 3,4 miliardi di euro per rinviarne la liquidazione coatta ed è stato poi costretto, per le vicissitudini occorse ai due istituti che tutti conosciamo, a svalutare le sue partecipazioni, azzerando così il capitale.

La chiusura di Atlante è solo l’ultima dimostrazione della fallimentare strategia del duo Renzi-Padoan nel gestire l’economia del nostro Paese. Soltanto un anno fa, l’allora presidente del Consiglio Renzi twittava in pompa magna che “Atlante sarà la soluzione, lo vedremo nelle prossime ore e settimane”. Infatti abbiamo visto. Read more…


GOVERNO: BRUNETTA, DA ELOGIARE COERENZA COSTA, BENTORNATO NEL CENTRODESTRA

“In un mondo politico nel quale abbondano i ‘poltronari’ di professione va, senza alcun dubbio, elogiata la coerenza e la linearità di azione dell’amico Costa.

Enrico, con una scelta di rettitudine, ha rimesso il suo mandato da ministro del governo Gentiloni per poter ‘lavorare – come ha giustamente evidenziato – ad un programma politico di ampio respiro che riunisca quelle forze liberali che per decenni hanno incarnato aspirazioni, ideali, valori, interessi di milioni di italiani che hanno sempre respinto soluzioni estremistiche e demagogiche’.

Costa ha deciso di costruire ‘ponti’ con Forza Italia e con il presidente Silvio Berlusconi e di recidere ogni legame che lo teneva ancorato ad un governo di sinistra che già da tempo non sentiva più suo. Read more…


MIGRANTI: BRUNETTA A MINNITI, STATO DI EMERGENZA CERTIFICATO DA ITALIANI

“Il ministro Minniti ci dice che non sussistono le condizioni per dichiarare lo stato di emergenza. Quanti migranti devono sbarcare ogni giorno perché questo stato di emergenza possa essere dichiarato? Diecimila al giorno? Ventimila? Trentamila?”.

Così Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia, replicando nell’Aula di Montecitorio al ministro dell’interno, Marco Minniti, durante il question time.

“Non basta il conflitto istituzionale in atto tra i sindaci e i prefetti? Non basta la sofferenza delle popolazioni nei confronti dei migranti? Non basta lo squilibrio che si va accentuando tutti i giorni, non basta l’opacità? Dov’è la trasparenza? Quanti anni ci vorranno per smaltire gli arretrati delle Commissioni territoriali? Quanti sono i migranti in condizione di clandestinità in ragione dei provvedimenti di allontanamento ed espulsione andati a vuoto? Serve chiarezza. Read more…


MIGRANTI: BRUNETTA, COSA INTENDE FARE GOVERNO? CHIACCHIERE? ASPETTARE COSA?

“Dopo Tallinn e Varsavia, cosa intende fare il governo? Blocco dei porti? Blocco navale? Controllo delle Ong? Nuovi hotspot? Permessi di soggiorno temporanei? Dichiarazione dello stato di emergenza? Oppure nulla? Da due settimane non è successo assolutamente nulla. Nel nostro Paese c’è una percezione molto amara, e cioè che all’Italia non sia consentito nulla, mentre agli altri Paesi è consentito tutto. Noi siamo sul banco degli imputati. Serve una parola chiara oggi su cosa intende fare il governo. Chiacchiere? Aspettare? Aspettare cosa?”.

Così Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia, intervenendo in Aula a Montecitorio durante il question time.


FI: BRUNETTA, RITORNI? DA NOI BRACCIA APERTE SELETTIVE, NO AD ALFANO

“Ricordo a me stesso che Alfano e tanti altri parlamentari che in questi anni hanno lasciato Forza Italia, una novantina tra Camera e Senato, erano stati tutti eletti sotto la sigla ‘Berlusconi Presidente’, sono arrivati in Parlamento tutti con i voti di Berlusconi”.

Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, ai microfoni di Radio Cusano Campus.

“Adesso se c’è una fase, come c’è, di nuova attrazione da parte di Berlusconi nei confronti del mondo del centrodestra questo è un fatto assolutamente positivo, da salutare positivamente. Read more…


MIGRANTI: BRUNETTA A MINNITI, GOVERNO DICHIARI STATO DI EMERGENZA UMANITARIA

Il presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, ha presentato un’interrogazione a risposta immediata, che sarà discussa domani durante il question time a Montecitorio, al ministro dell’Interno, Marco Minniti, in merito all’emergenza immigrazione nel nostro Paese.

“Dall’inizio dell’anno – scrive il capogruppo azzurro – sulle coste italiane sono sbarcati 93.292 migranti, il 16,79% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (79.877).

A fronte di una situazione che rappresenta una vera e propria emergenza, il governo si mostra inefficace nell’azione. Negli ultimi vertici europei, da Tallinn a Varsavia, l’Italia si è trovata ancora una volta isolata: di fatto, non è stato ancora rivisto il mandato di Triton, facendo di fatto decadere la richiesta di condividere con altri Stati l’accoglienza dei migranti salvati nel Mediterraneo. Read more…


BANCHE: BRUNETTA, COMM INCHIESTA PRIMA DI PAUSA ESTIVA, SUBITO DESIGNAZIONE MEMBRI

Il presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, ha inviato una lettera alla presidente della Camera, Laura Boldrini, in merito alla legge (12 aprile 2017, n. 107) sull’istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario, pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 13 luglio.

“Nelle more dell’entrata in vigore della legge, prevista per il prossimo 28 luglio – scrive il capogruppo azzurro a Montecitorio – con la presente intendo richiedere, a nome del Gruppo Forza Italia-Il Popolo della Libertà-Berlusconi Presidente, di avviare fin da ora il processo di designazione dei membri da parte dei gruppi parlamentari, in maniera che la Commissione possa insediarsi prima della pausa estiva.

Si tratta infatti di una Commissione che diversi Gruppi parlamentari richiedono da quasi due anni, e che avrà un ambito di intervento definito nel tempo, visto che dovrà concludersi con la scadenza naturale della legislatura. Read more…